Vanise Rezende - clique para ver seu perfil

COS´HO FATTO?

16 de outubro de 2014

Vi presento qui un libro tra quelli che più mi hanno colpito per la profonda analisi del sentimento umano vissuto da un piccolo abete, incantato perchè un giorno ha potuto uscire del suo spazio fisico e fermo della vita delle piante per andare a convivere con una famiglia in tempi di Natala...

Clarissa è una antropologa e psicanalista riconosciuta, specialmente per il suo libro di grande sucesso, tradotto in diversi paesi: "Donne che corrono come lupi". É anche una grande contatrice di storia, come si presenta quando ha scritto il suo libro: Il Jardiniere dell´Anima. 

Lì c´è la storia dello Zio Zavar e quella dell´abete...

...”C´era un giovane abete che, sebbene fosse piccolo di statura, era grande di spirito. Viveva nella profondità di una foresta, circondato di alberi molto più grandi... Ogni inverno l´abete desiderava che lo portassero ad abbellire una casa in tempo di Natale, come molti altri ci andavano. E l´abete ci sognava su.


Un giorno ha sentito dire da una famiglia che passava: 

– “Oh, guardate come sono vigorosi i suoi rami”... “Com’è verde e fresco quest´albero”. 

Così, al calar della notte, una slitta con la famiglia sopra e l´albero sul traino dietro, si fermò davanti a una casetta coperta di neve. Un vecchio e una vecchia uscirono nella neve e si avvicinarono al traino esclamando: - “Ma che bello, che bello, quell´albero, così alto e così frondoso. Proprio dellla misura giusta. Davvero perfetto”.


– “Oh, pensò l´abete, com´è bello essere acolti così bene”. E quando spensero le lanterne, l´ abete che amava la profondità e l´oscurità della foresta cominciò ad amare anche l´oscurità della casa. Sebbene fosse abituato a contemplare tutto il cielo noturno pieno di stelle –  e ora ne potesse vedere soltanto un lembo attraverso un vetro della finestra – c´era una stella che brillava più delle altre. E vedendola l´abete sentì che molte altre cose belle sarebbero accadute. [i]

Così ci può succedere... Ogni giorno ci accorgiamo come e quanto sia grande la nostra sensibilità. Eppure quasi sempre non si tratta di cambiare il nostro mondo intorno, il posto dove abitiamo ne il cielo a cui siamo abituati a contemplare... A noi ci basta una semplice parola, una intonazione diversa di voce diversa, uno sguardo che ci dimostre che l´altro non ci abbia capito come speravamo. E scivoliamo sui malintesi di tutte le intonazione; e si resta  male anche quando l´altro non ha l´intenzione di colpire la nostra sensibilità.

Non si capice che i fatti non furono intenzionali; e i sentimenti cambiano a dipendere se uno sveglia con lo sguardo oscuro, senza accogersi se cade la nebbia oppure sppacca il sole... E non si è capace di intravedere una bella stella dala finestra – come fece l´abete quando lo hanno tolto dal campo per rimanere nell´oscurità di una casa – lui “che era abituato a contemplare tutto il cielo noturno pieno di stelle”.


La storia raconta come piaceva all´abete vivere tra gli altri alberi del campo. E dice come lui  è rimasto felice di lasciare il campo e andare ad abbellire la casa. Ma dopo le festività in famiglia è arrivato il momento di metterlo sul pianerottolo più alto... E stando lì l´albero si domandò: 

– “Che cos´è tutta questa oscurità?”. 



Il sapiente Zio Zovár – che racconta questa storia alla scrittrice Clarissa Pinkola Estés – sospirò, il mozzicone del sigaro tra quei suoi denti anneriti. 



– Ah”, disse, “qui siamo nella storia di questa piccola esistenza, nel punto in cui l´unico cambiamento sicuro è che un cambiamento ci sarà. Capisce che cosa intendo dire?” (...).  

Allora rammentai. Dissi, abbassando la voce: ”Significa, caro Zio, che anche se pensiamo di seguire la mappa giusta...”


Lo zio abbozzò un sorriso.

“... Se Dio d´improvviso decide di sollevare la strada...
  E mette altrove e la strada e noi?”


... “Ahimè!" Pensò l´albero... 

–  “Che cos´ho fatto per essere abbandonato in un posto tanto freddo e solitário? [ii]


Alla fine l´abete finisce la sua storia consumato come legno nel camino e di seguito divenuto cenere sparse sul campo che amava tanto. É stato quando l´abete sospirò:


– “Ah, di tutte queste ascese e cadute e nuove ascese, è l´amore della vita nuova, e l´amore di questa soltanto, che dura e dura. Ora sono ovunque. 
Visto come vado lontano?” [iii]




Non finisce qui la singelezza di questa storia che ci invita a rifflettere sulla vita in profondità e sulla nostra adesione,di cuore, a quello che la vita ci richiede. Su questo, scrive Thomas Moore: è una storia che “nasce  da antichi riti famigliari e riconosce che l´anima non è perduta, ma è stata in qualche modo adormentata...". Una storia che, "in totale sintonia con la sofferenza della nostra società, scuote l´immaginazione sopita e risveglia l´anima”.[iv]

Così vi invito a conoscerla più a fondo e che possiate raccontarla a molti altri. Perchè, nella sua aparente semplicità ci parla delle cose più profonde della vita.


______________________________________________


[i] Clarissa Pinkola Estes. In: Il Giardiniere dell´Anima. 1996. Edizione Frassinelli. p.52-60
[ii] Idem, p. 68/69
[iii] Idem. p. 77
[iv] In: Il Giardiniere dell´Anima. copertina

Crediti immagine: 

1. www.canstockprhoto.com.br

2 e 3 -  www.imanmaleki.com - Galleria del pittore indiano contemporaneo: Iaman Maleki.
4. www.canstockphoto.com.br

Posts + Lidos

Desenho de AlternativoBrasil e-studio