Vanise Rezende - clique para ver seu perfil

UN AZZURRO DI LUCE

4 de outubro de 2014

Sono passati giorni di mare,
sole, brezza, coqueiros
fiori e frutti, buoni pasti...
Tranquillità.
Lontananza del lavoro,
lontananza del quotidiano,
prossimità di me stessa...
Intimità.
Leggere e pensare, 
pensare e leggere...


Camminare e pensare,
ascoltare musica e pensare,
dormire e pensare...
Milan Kundera mi ha fato compagnia
e il cielo azzuro e bianco – bianco di luce!
E il silenzio, la solittudine...
E la convivenza com delle coppie.
Poche parole, gentilezze,
sguardi curiosi...
Strana donna, si deve pensare:
- Basta una asciugamano?
- Qualcun´altro alla colazione?
- Lei aspetta qualcuno?...



La condizione di essere sola
in queste ocasioni
ancora mi comuove e mi porta ricordi...
Però non mi disturba,
non mi lascia ferita,
non mi fa infelice.
Sola, altre volte, 
mi sono sentita
essendo in compagnia.
Meglio questo riposo solitario e sereno
E questa meritata solitudine.



 Crediti immagine: www.canstockphoto.com.br


Posts + Lidos

Desenho de AlternativoBrasil e-studio