Vanise Rezende - clique para ver seu perfil

IL SENSO DELL´AFFETTO

22 de agosto de 2016


Tolse i sandali e, poggiatasi al braccio dell´amica, tocò la ponta dei piedi nelle acque serene del mare. Il suo sguardo -  che si spargeva pieno sull´oceano - allungavasi nella linea della  frontiera distante dalle terre africane. Anche se lontane, quelle terre si incastravano alla punta più avanzata della spiaggia brasiliana, in uno antico abbraccio.

L´amica partecipava a quel momento di emozione in silenzio.

La vecchia signora, già arrivata a più di ottant´anni, teneva molto vive le memorie dei suoi tempi bambini nelle spiagge del Rio de Janeiro. La presenza del mare era la sua casa, come un portabagagli di nostalgia degli amici che già si erano andati, perchè si sono andati  tanti!

Ora, rivedere il mare era per lei come esserci davanti al paesaggio ludico della ínfanzia. Opure come si rivedesse quel quadro di Anita Malfatti, che a lei molto piaceva, La Onda. Quella pennellata di un´abbracio liquido afferrato alle pietre, fascevano la luce trasformarsi in arcobaleno, per attingere bellezza più grande.

Silenziosa,  lei contemplava il paesaggio.  Il suo sguardo rivisitava i tempi che sono rimasti indietro, ora presente nella profonda riviviscenza che il mare le comunicava.  Dopo, ha suspirato e disse: 

-    Più che il mare... Solo  
l´Amicizia! 

Quel commento espressivo, di donna contemplativa e serena, sembrava essere um gesto di attenzione e carezza per chi gli stava accanto, che aveva avuto la idea così speciale di offrirle un nuovo incontro con il mare. 

Quando ho sentito questa storia da  un  amico  comune, mi si è risvegliata una antica intuizione, che l´amicizia è il sacramento di tutte le ore. Una esperienza indispensbile al compito nostro di persistire e sopravvivere, in questi tempi di sconforto in cui tanti si sentono.


L´antidoto a questo sconforto è la coscienza che, per goderci il migliore della vita  più in là dei buoni momenti di solitudine  si ha bisogno di scambiare con gli amici, pochi che siano, la attenzione, l´apprendistato, il dialogo, i propri talenti e persino di scherzzare dei limiti che tutti abbiamo. 

Quando  si  perde la coscenza  vitale  del  bisogno  dell´altro,  ci   sarà  o perchè l´insensibilità  ci  ha  corroto  l´anima, o  perchè  chissà, in  quel  momento, si è malato e si ha bisogno di cure speciali.



L´amico non si coltiva se non esercitiamo la capacità delicata dello ascolto, e l´abilità del rispetto sincero alle diversità reciproche. Importante è pure la cura di visitare gli amici – sempre che possibile – nei momenti in cui per uno o l´altro abbia qualunque significato, indipendentemente delle nostre proprie motivazioni.





La sensibilità dell´affetto ci rivela che, più che offrire dei donni, inviare mensaggi via WhatsApp e Facebbook, oppure sfarsi in lode, la amicizia richiede presenza vera nei momenti importanti della vita. E importanti sono tutti i momenti in cui si può sperimentare la carezza essenziale di cui ci parlano i grandi pensatori  contemporanei di spiritualità, come lo scrittore e teologo Leonardo Boff, oppure il patto dell´amore fraterno a cui si riferisce Chiara Lubich.

Concludo com le parole del grande pensatore francese Edgar Morin: “Il nostro cotidiano vive sempre in ricerca di senso. Ma il senso non è originario neppure proviene della esteriorità del nostro essere. Immerge della partecipazione, della fraternizazione dell´amore. Il senso dell´amore e della poesia è il senso dellla qualità suprema della vita. Amore e poesia, quando concepiti come fini e mezzi di vivere, portono pienezza di senso al vivere per vivere“.

----------------------------------------

Tra gli inummeri libri che parlano di amicizia, alcuni che conosco probabilmente 

sono pubblicati in versione italiana: 



 “Il libro degli Abbraci”, dell´uruguaio  Eduardo Galeano. 

– "Amore, Poesia, Sapienza", di Edgar Morin.  

 “Grande Sertão Veredas”, de João Guimarães Rosa.  Un classico moderno - pubblicato anche in italiano, ha dato origine ad uno filmato televisivo. Parla dell´affetto di Diadorim per Riobaldo, personaggi di questo magistrale romanzo. 

Zorba, il Grecco", Nikos Kazandzakis, un classico che ha risultato anche in film. 

______________


Crediti delle Immagini

1. Immagine di: www.canstockphoto.com.br;
2. La Onda - pittura di Anita Mafaltti - www. anitamafaltti.galeria.com 
3. Il mare tropicale ed i corali - www.canstockphoto.com.br
4. Gli amici accanto a Papa Francesco - divulgazione
5. Immane di Unnamed - www.unnamed.jpg
6. Olimpiade - Brasile  2016 -   Dopo la finale di volei BrasilxItalia. Immagine divulgata dal Ministero degli Sport in Brasile. Fonte:http://fotospublicas.com/wp-login.php 


Nota:  Le immagini pubblicte in questo blog  appartengono ai suoi autori. Se qualcuno ha diritti di una di queste, e desidera che sia rimossa di questo spazio, per favore faccia contato con: vrblog@hotmail.com

Posts + Lidos

Desenho de AlternativoBrasil e-studio