Vanise Rezende - clique para ver seu perfil

LA VECCHIAIA E I SOGNI

13 de março de 2017


Ho ricevuto un video in cui delle vecchie donne, molto eleganti, parlano su quello che farebbero se oggi tornassero alla  giovinezza. Cose belle, dicono loro, e sognano, lasciandoci capire che avrebbero vissuto diversamente, oggi, quello che allora hanno vissuto.

Mi sono messa a pensare quel che avrei detto se qualcuno mi domandassi la stessa cosa. Ed ho subito compreso che sarei tornata alla mia adolescenza intera – e a tutta la gioventù che ho lasciata indietro nel volo degli anni – rivivendo giorno a giorno quello che ho fatto allora. Ci sono molti momenti che ricordo vivamente, siano quelli più allegri oppure tristi, e li porto in cuore come un dono prezioso della vita.

Perché mi sento così sicura di ciò? Ho 79 da completare quest´anno. La mia vita non è stata perfetta e neppure gli eventi – nelle sue diverse fasi – sono stati sempre belli, oppure brillanti come forse sarebbe stato possibile viverli. Comunque, so che sono stati momenti da esercitare un apprendistato su quanto avrei affrontato più tarde… Innumeri e sinceri tentativi di aggiustare il vivere ai tanti sogni.

Erano tante di quelle gioie che ancora le rivivo nella memoria radiosa di un tempo fugace! I giochi con altre bambine, alla scuola – oppure davanti a casa mia – erano i momenti più attesi. 

Si giocava all´aperto anche sotto la pioggerella… E si giocavano pure le emozioni di correre dentro un sacco, le une accanto alle altre, di saltare con la corda in su e giù, di cantare e danzare in circolo…
 
I maschi ora si stavano ai nostri giochi ora facevano da sé, a seconda del momento. Persino i brevi tempi di quando la mamma mi prendeva a sculacciata, mi viene in mente quale un apprendistato di intrepidezza, a presentarle le mani stese, ferme, senza voler farla vedermi le lacrime.

Ester, la mamma, era una donna soave e piena di cure. E specialmente forte, a governare quella casa lunga e spaziosa ed a guardare sete figli. 

Poi, uno alla volta è stato portato – le quattro donne e i due fratelli maschi (perché uno se ne è andato presto) – a vivere nell´internato, fuori della nostra città. 

Erano i tempi in cui per studiare all´università era necessario essere benestanti (un po' quasi come ci si trova ora, in Brasile, se le cose continueranno come pretende un governo illegale e temerario).  

Ai quindici anni ho fatto la scoperta dell´Azione Cattolica, un movimento di origine francese che ha avuto grande influenza nella vita dei giovani, dagli anni sessanta fino alla dittatura militare. Sono stati gli amici della Azione Cattolica che mi hanno persuaso a studiare a Recife, ospite in una pensione per giovane universitarie.

Più tarde ho fatto la difficile scelta tra un´amore adolescente – che maturava nel desiderio di formare una famiglia – e una vocazione natta dalla spiritualità disseminata da Chiara Lubich (*), che mi ha fatto trovare una famiglia più grande, sparsa in tutto il mondo, nell´intento di lavorare per l´unità di tutti. Così ho fatto le mie scelte e dopo un congresso, in Europa, promosso dal Movimento dei Focolari, ho deciso di rimanervi, trovandomi una borsa di studio a Roma.
  
Quante volte ho vacillato, altrettante mi sono fuorviata. 

Gli sbagli? Un passo per un migliore apprendistato, o per rinnovare la scelta.   

Oggi  ancora cerco di imparare, specialmente dai più giovani, dalle figlie che amo tanto, dagli amici indispensabili. Così mi trovo a rivisitare la vita ed i sogni che non scarseggiano mai. Si, i sogni continuano ad insistere in ricerca di una vita più serena, più semplificata, e più sobria. E nel lavoro per il dialogo e il bene comune.

Percepisco che la vita non lascia di chiedermi nuovi passi, perché dalla sua Fonte ho ricevuto una misura piena e trasbordante.





-------------------------------
 (*) Cf. www.movimentodosfocolares.org



Crediti immagine:

1
. Achivio privato – immagine del blog.
2. Giocchi dell´infanzia - www.rioeduca.net
3. L´internato –  www.istoe.com.br/10308/aulas+de+intolerancia...
4. Passeggio sugli alberi… a 71 anni - Campos de Jordão - São Paulo - Brasile. 

Nota:  Le immagine qui pubblicate hanno i suoi autori. Se qualcuno possiede i diritti di una di queste e desidera che sia rimossa da questo spazio, per favore si diriga a : vrblog@hotmail.com

Posts + Lidos

Desenho de AlternativoBrasil e-studio