Vanise Rezende - clique para ver seu perfil

IL TEMPO REVERSIBILE

3 de maio de 2015


Il corso della vita non imbroglia il tempo e nemmeno le sue fase, ne segue il calendario fastidioso che sempre rimette all´Anno Nuovo ed al Carnevale, la Quaresma e la Pascoa, l´Inverno al Sud brasiliano, la Festa di San Giovanni al Nordeste ed il “Círio de Nazaré” allo stato del Pará...

L´imprevedibile viene senza consiglio e non segue l´orologio, nemmeno quello del cuore. Il vivere bisogna di sorprese ed i giorni non si ripetono anche se sembrano uguali: ci sono quelli da festeggiare, altri solo da attendere, quelli che scivolono nelle ore che non si sa bene come si sono andate, quelli che ritardono a passare e quelli che restano collati alla memoria, incorniciando in tutti i paesaggi il sentimento che c´è stato e che sempre rimane quale fu.

Basta una soave aria a tocarci il viso, la sensazione di una certa canzone, una pietra trovata sulla strada, una foglia che cade, un bottone che si appre in fiore, la fotografia dimenticata nel libro, un ricordo innavertito... E il tempo viene subito reinventato, si torna reversibile nella memoria dell´affetto, sistemandosi sull ´oggi come le robe del cuore.

E così c´è stato. Bastò darmi il tempo e la permissione per sentirmene partita... A prendere il latte alla mungitura con il cioccolato... A gioccare con altre bambine sulle vie della città... A sedermi per terra attorno alle castagne sulle brace... A sentire le storie spaventevole del mio nonno scherzoso... Ed a correre dietro i pagliacci con le gambe di legno... Mentre il mio babbo lavora scrivendo in grandissimi libri, con i registri di nascita e delle terre del luogo; e la mia mama segue nella musicalità della cucitrice, facendo vestiti per i sete figliogli. Chi non obedisce resterà nella stanzetta, senza il dolce di latte, né di cocco, né di manioca!

La cucina grande di forno a carvone con gli atrezzi di argila e di legno... La casa pulita... E le due Marie a pensare a tutto: Maria Grande al buon maggiare e l´altra Maria a prendere cura dei bambini, portandoli a passeggiare!

Il giorno della fiera la città in festa: i cavalli e gli asini smontati sotto gli alberi; nelle stuoia di paglia per terra, le bambole di stoffa, gli utensili di argilla, le fionde, le piccole palle in vetro, i vassoi con dolci di cocco, lecca-lecca e il zucchero filato. E la musica di Luiz Gonzaga suonata nella zabumba della città. I prodotti della terra riempivano la varanda portati dagli agricoltori per ringraziare i favori del mio padre:  angurie e mango, fagiolino manioca zucca e patate; anacardi e umbus, mazzi di banane ed una grande abbondanza ...


Abbondanza di gioia come ai giorni di Pascoa o di Natale! Le cure della mia madre come si durassero per tutta la vita! Il zelo del mio padre come se mai dovessero mancare!

Orologio - canstockphoto
Fiore - canstockphoto
Antica fiera del Sertão - www.dimusbahia.wordpress.com (Belle époche).

Nota: Le immagine pubblicate in questo blog appartengono ai suoi autori. Se qualcuno possiedi i diritti di una immagine e desidera che questa sia rimossa, si prega di entrare in contato con: vrblog@hotmail.com

Posts + Lidos

Desenho de AlternativoBrasil e-studio